PDF Stampa E-mail

Martedì 2 dicembre 2008

OLTRE 60 ANNI DI IMPEGNO PER L’INFANZIA

UNICEF

Il nuovo Presidente dell’Unicef Italia

 

La sera del 2 dicembre scorso è stata una sera molto interessante che ha visto ospite prestigioso del Lions Club Rimini Riccione Host il Presidente del Comitato Italiano per l’Unicef, Sig. Vincenzo Spadafora. Una carica importante ed impegnativa, ricoperta da un Presidente giovane, pieno di entusiasmo e determinato, che ha ben chiara in mente la mission che le Nazioni Unite hanno affidato all’Unicef fin dal lontano 1946, riconfermata negli anni successivi fino al 2006 quando, nel 60° anniversario della sua costituzione, ne ha rilanciato l’impegno per il prossimo millennio.

Il Presidente ha ricordato come tale impegno venga affrontato attraverso una organizzazione che vede al suo vertice un Consiglio di Amministrazione composto dai delegati di 36 paesi industrializzati che trae la propria autorità direttamente dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che si dirama in 36 Comitati Nazionali i quali, a loro volta, coordinano Comitati Regionali e Provinciali che hanno il compito, tra gli altri, di raccogliere i fondi necessari per finanziare le varie iniziative.
Il Presidente ha tenuto a precisare che le fonti finanziarie sono costituite dai contributi volontari elargiti non soltanto dai Governi che sostengono l’Unicef, ma anche da moltissimi privati e che l’attività istituzionale è supportata dagli stessi Governi, dai Capi di Stato, dai ministri, dai sindaci dei comuni, dalle autorità locali, dalle organizzazioni non governative nazionali ed internazionali, dai leader di tutto il mondo e da oltre 6 milioni di volontari che promuovono e difendono quotidianamente i diritti dell’infanzia in 356 paesi.

Proseguendo nel suo intervento, il Presidente si è soffermato ad osservare come la crisi umanitaria in atto che sconvolge molte parti del pianeta si faccia sentire anche nel nostro Paese dove vanno formandosi sacche di povertà preoccupanti che colpiscono anche i bambini indifesi.
Qui, l’impegno dell’Unicef è rivolto ad interloquire innanzi tutto con il Governo, per suggerire provvedimenti a tutela di quei bambini, anche di quelli che sono giunti da paesi lontani, affinché siano accolti in un contesto sociale che rispetti la loro dignità umana e, poi, a confrontarsi con la società civile per informarla, sensibilizzarla e coinvolgerla nella costruzione di quella cultura umanitaria che è indispensabile supporto alla soluzione dei problemi dell’infanzia, come ha fatto in questa occasione, nella casa dei Lions che di quella società sono parte elitaria. Ai Lions ha voluto testimoniare l’emozione che ha provato andando in giro per missioni (è reduce da un recente viaggio in Indonesia), vedendo la gioia che illuminava gli occhi di quei bambini infelici per un gesto di generosità ricevuto, anche piccolo, anche modesto.

Prima di concludere il suo applauditissimo intervento il Presidente si è rivolto ai giovani esortandoli a guardare lontano con fiducia, a coltivare il grande sogno di libertà, di giustizia sociale, di pace universale ed a lottare per realizzarlo senza timore o paura. Si è quindi messo a disposizione dei Lions e degli ospiti presenti per rispondere esaurientemente alle tante domande interessate che gli sono state rivolte.

Unicef

Da sinistra a destra: Enrica Costantini capo dell'Ufficio di Presidenza del Comitato Italiano dell'UNICEF, Elena Benigni Presidente nazionale Ladies Circle, il Presidente del Club Rimini Riccione host Ettore Ranocchi, il Presidente dell’UNICEF Italia Vincenzo Spadafora

A tutti ha offerto in dono alcuni gadget ed il bilancio sociale 2007 del Comitato Italiano dell’Unicef, il documento ufficiale che rende chiari e trasparenti i parametri di rendicontazione economica e di impegno sociale che garantisce ai molti stakeholders con i quali sono condivisi impegno e valori che il lavoro quotidiano è portato avanti nel rispetto dei principi etici e culturali che informano le scelte operative, la coerenza con la mission e l’impiego delle risorse e dal quale emerge con forza l’obiettivo fondamentale di porre i diritti dei bambini e degli adolescenti al di sopra di tutto, di alleviare e prevenire le loro sofferenze a prescindere dalla loro collocazione geografica, dal credo e dal colore della pelle.

Come dicevo, è stata una serata molto interessante ed educativa che ha rapito l’atten-zione di tutti i presenti tra cui, ospiti graditi, la Signora Enrica Costantini, Capo dell’Ufficio di Presidenza del Comitato Italiano dell’Unicef, la Signora Anna Maria Pieraccini, Presidente della Sezione Provinciale di Rimini dell’Unicef, le Signore Prof. Elena Benigni e Norma Renzi, rispettivamente Presidente nazionale e Segretaria nazionale del Lady Circle, la Signora Ilaria Ranocchi.

Lion Alfonso Vasini

 

Unicef2Curriculum del Presidente Vincenzo Spadafora

34 anni, è il nuovo Presidente dell’Unicef Italia, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa della tutela dell’infanzia. E’ nato ad Afragola (Napoli) ed è attualmente consulente presso la “Struttura di Missione” della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità Nazionale, dove si occupa delle iniziative e delle attività culturali.

Ha un ricco curriculum in ambito

politico-istituzionale: è Presidente del “Laboratorio-Idee in Comunicazione”, Agenzia di comunicazione istituzionale e di consulenza per Enti pubblici e privati ed è stato di recente nominato Presidente della “Fondazione Tandem” che si occupa di progetti e di attività per i giovani. Nell’Unicef Italia è entrato come volontario a soli 12 anni, presso il Comitato Regionale Campania. E’ stato successivamente collaboratore della Presidenza Nazionale con incarichi di coordinatore del Movimento Giovani per l’Unicef e di promotore e realizzatore del programma “Sindaci difensori ideali dei bambini”.
Nel 2002 è stato nominato Presidente del Comitato Provinciale Unicef di Caserta e nel 2004 è diventato membro del Consiglio Direttivo Nazionale per poi divenirne Vice Presidente Vicario dal 2005. Il 23 giugno 2008 è stato eletto dall’Assemblea dei Volontari Presidente del Comitato Italiano per l’Unicef ed ha dedicato la sua nomina ai tantissimi bambini incontrati durante le missioni in Ruanda e in Sierra Leone dei quali non ha più dimenticato sorrisi e gli abbracci, ma anche le terribili storie.

 
2 girls 1 cup