PDF Stampa E-mail
Martedì 10 novembre 2009

Festa della Bandiera

con la partecipazione del Generale di Squadra Aerea Mario Martinelli
Intermeeting con il Lions Club Rimini Malatesta

Il Generale di Squadra Aerea Mario Martinelli, Comandante del VII Reparto dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare è stato l’illustre e gradito relatore della serata  tenutasi martedì 10 novembre presso l’Holiday Inn di Rimini ed organizzata dal Lions Club Rimini Riccione Host, in intermeeting con il Lions Club Malatesta.  Ricchissimo il curriculum del Generale: nato a Verona nel 1947,  il Gen. Martinelli  si è arruolato in Aeronautica nel 1966 quale allievo del corso “Eolo 3” dell’Accademia; ha conseguito il brevetto di pilota d’ aeroplano a Lecce nel 1967; nel 1972 è stato assegnato al 5° Stormo di Rimini; al termine del 55° Corso Superiore della Scuola di Guerra Aerea, viene assegnato allo Stato Maggiore Aeronautica, Ufficio del capo di Stato Maggiore, dove opera fino all’agosto del 1990; nello stesso periodo viene trasferito presso la Agenzia NEFMA quale STAFF Officer del General Manager; rientra in campo nazionale nel gennaio 1996 e viene assegnato allo SMA-Quarto Reparto ricoprendo l’incarico di Capo del 4° Ufficio Infrastrutture del Servizio di Supporto, dopo un breve periodo quale capo del 1° Ufficio; a far data dal 26 Settembre 2007 è Comandante del Comando Aeronautica di Roma, quale ufficiale più anziano del ruolo delle armi; è inoltre insignito delle seguenti decorazioni ed onorificenze:

 

foto1

Ufficiale Ordine al Merito della repubblica Italiana
Medaglia Mauriziana per 10 lustri di Carriera militare
Croce d’Oro per anzianità di servizio (anni 40)
Croce Commemorativa per la Missione di Pace in Kosovo
Medaglia NATO per operazioni nell’ex Yugoslavia
Medaglia NATO per operazioni in Kosovo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

foto2

All’apertura della tradizionale Festa della Bandiera, il Cerimoniere Graziano Lunghi ha letto un articolo sulla storia del Tricolore scritto dal socio Gen. Roberto Fambrini. Il Presidente del Lions Club Rimini Riccione Host, Fabio Barone, ha poi dato il benvenuto al Presidente del Lions Club Malatesta Antonio Galli, ed alle Autorità Militari intervenute: il Vice Comandante della Capitaneria di Porto di Rimini Capitano di Fregata Giovanni Centone,  il comandante del Gruppo 7 Vega Colonnello Pilota Bartolomeo Polidori, il Tenente Colonnello Daniele Telesca del Distaccamento Aeroportuale di Rimini e Signore.
Il Gen. Martinelli, presentato dal socio Gen. Antonio De Angelis, nel corso della sua relazione ha fatto il punto sull’attuale situazione dell’Aeronautica Militare Italiana. Dopo la caduta del muro di Berlino, di cui proprio in questi giorni è stato celebrato il ventennale, sono cambiati gli assetti di combattimento. Infatti non si combatte più esercito contro esercito, massa contro massa, forza contro forza: i conflitti si presentano rapidi, piccoli e lontani dal territorio italiano, e la tecnologia  occupa un posto importantissimo anche in campo militare. Per sottolineare questa evoluzione, il Gen. Martinelli ha presentato al numeroso pubblico un breve filmato in cui si è fatta la storia della nostra Aviazione e dei mezzi impiegati. Le immagini di repertorio in bianco e nero dedicate a Francesco Baracca, Italo Balbo e Gabriele D’Annunzio,  hanno aperto la strada ai velivoli ed agli uomini che li hanno pilotati  sino ai giorni nostri, ai mezzi impiegati –da combattimento e da supporto umanitario- in Iraq e Afghanistan. Grande spazio ha occupato, nel corso della relazione, e delle successive numerose domande del pubblico, la trasformazione dell’Aeronautica per adeguamento ai tempi ed alle risorse economiche disponibili. Il diminuire le risorse può degradare le capacità operative: il taglio però ha ottimizzato la produttività;  sono ancora disponibili fondi per esercizio e per potenziamento: questi ultimi creano attività ed entrano pertanto a far parte del nostro PIL.  La riduzione dei fondi non ha quindi portato ad un calo di qualità, tutt’altro: c’è stato un aumento delle capacità operative in termini di tecnologia e professionalità. I teatri di guerra sono lontani: occorrono mediamente dieci ore di volo per recarsi sul posto, sia per combattimento che per aiuto umanitario.  Di conseguenza, uomini e mezzi devono essere adeguati ed in grado di fronteggiare ogni tipo di situazione.  
Nel corso degli anni si è assistito alla riduzione del personale a causa dell’abolizione della leva obbligatoria: anche in questo caso, però, il Gen. Martinelli ha voluto ricordare come, presso l’Accademia di Pozzuoli, la qualità dei corsi sia aumentata con l’inserimento, negli ultimi anni, dei corsi di laurea in Medicina e Giurisprudenza, che si affiancano ai già esistenti corsi di laurea in Scienze Aeronautiche ed Ingegneria.  Grande spazio viene poi riservato all’insegnamento della lingua inglese in quanto, come detto prima, i teatri di guerra presenti in questa fase storica sono ben lontani dall’Italia e ne richiedono la conoscenza. Non mancano varie discipline sportive, come in altre Accademie europee, e progetti Erasmus, del tutto simili a quelli delle Università civili. Anche nell’Aeronautica Militare hanno fatto il loro ingresso le donne, che hanno reso l’ambiente più competitivo, migliorandone la qualità. Esiste grande sinergia tra le Forze Armate, e l’eventuale attività interforze prende il sopravvento su ogni singola Forza: in caso di calamità in territorio nazionale, la prima ad intervenire è la Protezione Civile, con il supporto delle Forze Armate.
Grande la partecipazione e l’interesse del pubblico presente, a testimonianza dell’affetto e della stima per i nostri ragazzi dell’Aeronautica Militare, ma non solo; a qualsiasi Arma essi appartengano, essi si impegnano con professionalità e profondo senso del dovere, testimoniando impegno e dedizione: a tutti loro  va il nostro grazie più sincero.

Lion Monica Sardonini

foto3




image008

Da sinistra a destra: il Generale di Squadra Aerea Mario Martinelli, il Presidente del Club Rimini Riccione host Fabio Barone; la Vicepresidente Monica Sardonini, il Segretario e Delegato di Zona Guido Zangheri
image010
Da sinistra a destra: il Vicepresidente del Lions Club Rimini Malatesta Elio Bianchi, il Presidente dello stesso Club Club Antonio Galli, il Generale di Squadra Aerea Mario Martinelli, il Presidente del Club Rimini Riccione host Fabio Barone, la Vicepresidente Monica Sardonini, il Segretario e Delegato di Zona Guido Zangheri
image012
Il Generale di Squadra Aerea Mario Martinelli, Comandante del VII Reparto dello Stato Maggiore dell’Aeronautica.
image014
La parola al Presidente del Club Rimini Malatesta, Antonio Galli.
image016
image018
Da sinistra a destra: il Vicepresidente del Lions Club Rimini Malatesta Elio Bianchi, il Presidente dello stesso Club Antonio Galli, il Generale di Squadra Aerea Mario Martinelli, il Presidente del Club Rimini Riccione host Fabio Barone,  la Vicepresidente Monica Sardonini, il Segretario e Delegato di Zona Guido Zangheri
image020
Il comandante della Caserma Giulio Cesare, Tenente Colonnello Pier Paolo Costantino
image022
Il  Vice Comandante della Capitaneria di Porto di Rimini, Capitano di Fregata Giovanni Centone
image024
Il Comandante Del Gruppo 7° Vega,  Colonnello pilota Bartolomeo Polidori
image026
Il Tenente Colonnello Daniele Telesca del  Distaccamento Aeroportuale di Rimini
 
2 girls 1 cup