PDF Stampa E-mail

Martedì 13 Aprile

Il nuovo Palacongressi

Conferenza dell’Arch. Mauro Ioli
Presidente di “Convention Bureau”

 copertina

L’incontro conviviale del Lions Rimini – Riccione Host del 13 Aprile si è svolto nella splendida cornice del ristorante Quartopiano Suite di Rimini; ha avuto come illustre relatore l’Architetto Mauro Ioli, presidente di “Convention Bureau” della riviera di Rimini, società che garantirà la gestione degli eventi del nuovo Palacongressi di Rimini.

L’inaugurazione della nuova struttura congressuale è confermata per l’undici di Settembre del 2010.

Tema della serata era “il nuovo Palacongressi di Rimini: una sfida per lo sviluppo dell’economia provinciale”.

Dopo il consueto tocco di campana che apre la serata, il Presidente Fabio Barone ha illustrato il tema della serata ed ha presentato il relatore l’Architetto Mauro Ioli, seguito da un breve curriculum letto dal cerimoniere.

L’Architetto ha iniziato la sua esposizione, illustrando il nuovo Palacongressi di Rimini coadiuvato dalla proiezione di slides; andando ad elencare i requisiti funzionali richiesti del progetto:

  • la più grande struttura congressuale in Italia,

  • estrema funzionalità e flessibilità di utilizzo,

  • possibilità di ospitare più eventi contemporaneamente,

  • ampie aree espositive attrezzate,

  • facilità di accesso per persone e veicoli,

  • dotazione di parcheggi interrati,

  • tecnologia d’avanguardia rivolta all’ambiente,

  • arredi e finiture pregiate,

  • aree attrezzate per catering service,

  • attenzione all’ambiente.

 

Ha illustrato lo studio di progettazione che ha redatto il progetto dando cenni biografici. Studio GMP di Amburgo fondato nel 1965 dagli Architetti Meinhard Gerkan e Volkwin Mang entrambi Professori Universitari di Architettura alle Università di Braunschweig ed Acquisgrana, specializzati in grandi opere in varie parti del mondo. Ne sono state elencate alcune, come gli aeroporti di Berlino Stoccarda e Amburgo; la Fiera di Lipsia Hannover e Dusseldorf; in Cina i quartieri espositivi di Shenzen e Naning; realizzazione di stadi, musei, ecc.

Il progetto del Palacongressi di Rimini è opera del Prof. Arch. Volkwin Marg.

E’ seguita l’illustrazione delle caratteristiche del progetto architettonico, come superfici edificate, altezze e capienza ricettiva. Caratterizzato da due corpi principali, collegati da un importante sistema di foyer e gallerie; il primo corpo la conchiglia ospita l’anfiteatro con altezza di Ml.23, capienza di 1.600 persone, sottostante l’ingresso; il secondo ospita la sala principale con altezza Ml.17 denominata “sala della piazza”, divisibile in otto partizioni, mediante pareti scorrevoli. Attorno alla sala principale vi sono foyer e gallerie con tre accessi, le sale perimetrali sono denominate “sala del castello”, “dell’arco”, “del tempio”; al piano primo “sala dell’Arengo”, “del porto”, “del ponte”, “del faro”, “della vecchia pescheria”, “della marina”, “dell’orologio”, “dello squero”, “dei bastioni”, “del lavatoio”, “della fontana”, “del parco” , “del borgo”. Nomi che si ritrovano nei monumenti e siti Riminesi. Il numero massimo di sale è quarantadue per novemilatrecento posti complessivi, la principale può ospitare fino a quattromilasettecento persone ed è la “sala della piazza”. Tutte dotate delle più sofisticate tecnologie per le traduzioni in simultanea, proiezioni, ecc. Insistono due livelli interrati adibiti a parcamento auto, con due accessi e capienza di cinquecento posti. Nella costruzione e negli impianti si sono usati criteri di eco – sostenibilità e la connessione con le condizioni ambientali circostanti consentirà di raggiungere obbiettivi di risparmio energetico.

E’ stato trattato anche l’aspetto urbanistico dell’opera, l’edificio è fine a se stesso, ma da inserire nell’ambito della riqualificazione di un intero quartiere, dove oltre al Palazzo dei Congressi sorgeranno un Auditorium per la musica e alcune unità direzionali. Queste strutture beneficeranno inoltre di un parco completamente rinnovato con piantumazione di nuovi alberi e arbusti e laghetto (area della vecchia cava), collegato con il parco esistente permetterà immersi nel verde di raggiungere il mare. Un aspetto di criticità presente è la viabilità; argomento che ha fatto dibattere le istituzioni coinvolte per mesi, prima di autorizzare che l’ubicazione del sito era idonea.

Si è convenuto che per i residenti, qualche situazione di disagio potrà subentrare, anche se verranno adottate misure come navette, corsie preferenziali e notevole presenza di Vigili Urbani.

Il Presidente, ha concluso l’esposizione illustrando la composizione, le finalità e gli ambiti di intervento della società che Lui rappresenta.

Il dibattito finale è stato interessante, dove il Presidente ha risposto in modo esaustivo alle domande rivoltegli, concludendo che il Palazzo dei Congressi, come la Fiera ed il Palazzo dei Congressi di Riccione sono realtà importanti per la città e provincia. Fanno conoscere Rimini e la provincia a livello internazionale, garantendo alla città un flusso continuativo di persone per tutto l’arco dell’anno.

Lion Arch. Fabrizio Botteghi

 

 
2 girls 1 cup