PDF Stampa E-mail

I predatori dell'arte perduta

il saccheggio continua

"I predatori dell'arte perduta; il saccheggio continua", con questo tema si è svolta martedì 18.10.2011 presso le sale dell'Hotel Holiday Inn, una splendida serata organizzata dal Lions Rimini-Riccione Host in intermeeting con Lions Club Valle del Conca - Morciano di Romagna

I relatori della serata, davanti ad una folta cornice di ospiti, hanno illustrato il triste fenomeno del trafugamento delle opere d'arte italiane, che purtroppo è ancora in atto nel nostro paese.

In particolare la Dr.ssa Lorena Mussoni, Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Pesaro, ha ricostruito come in un'autentica spy story la sorte della statua di bronzo denominata l'atleta vittorioso, opera, secondo alcuni studiosi, dello scultore greco Lisippo; l'opera, rinvenuta nel 1964 nel mare Adriatico davanti a Fano è giunta, passando per Londra e Monaco di Baviera, al Paul Getty Museum di Malibù (USA) che l'avrebbe acquistata nel 1977 per la somma di 3.950.000 dollari.

Ebbene proprio il magistrato - di origine riminese - ha provveduto nel 2010 ad emettere un provvedimento di confisca della statua, affinchè la stessa possa così ritornare in Italia; trattasi di uno di primi provvedimenti presi nel nostro paese e su cui si dovrebbe presto giungere ad una decisione definitiva.

Fabio Isman, noto giornalista del Messaggero di Roma, ha invece svolto un'accurata ricostruzione del fenomeno che peraltro risulta essere stata meglio descritta dal libro realizzato da Isman nel 2009 dal titolo " I Predatori dell’arte perduta, il saccheggio dell’archeologia in Italia " ; il libro di Isman è finora l’unico studio, nel nostro Paese, sulla Grande Razzia che, dal 1970 a oggi, ha sconvolto il sottosuolo della Penisola con oltre un milione di reperti, a volte unici al mondo, spesso finiti in importanti collezioni private e musei stranieri, e pochi dei quali finora restituiti.

Il giornalista che dal 1980 si occupa prevalentemente di Beni culturali, in Italia e all’estero e che da solo, o con altri, ha scritto 32 libri, anche sui restauri e la salvaguardia del patrimonio storico-artistico e sulle capitali dell’arte, ha fornito ai presenti - anche attraverso l'uso di eloquenti immagini fotografiche - la prova dei trafugamenti di importanti opere d'arte, spesso finite nelle mani di facoltosi collezionisti o importanti musei stranieri, dando altresì notizia dell'importante opera di contrasto a questo autentico fenomeno malavitoso, soprattutto grazie all'Arma dei Carabinieri da tempo impegnati in questo particolare settore.

Al termine della serata il Presidente del Lions Rimini-Riccione Host, Pres. Moreno Maresi ed il Presidente del Lions Club Valle del Conca - Morciano di Romagna, Pres. Giancarlo Masia, oltre a ringraziare i due relatori, hanno consegnato agli stessi, il tradizione guidoncino.

 


 
2 girls 1 cup