PDF Stampa E-mail

Ammiraglio Marcantonio Trevisani

al Lions Club Rimini Riccione Host

“L’impegno italiano nelle missioni internazionali” e “Festa della bandiera” al centro dell’attenzione generale

L’unione – recita un vecchio adagio - fa la forza. O se lo preferite: con il cuore e… la testa, si vince. Sempre! Ne abbiamo avuto riprova lo scorso martedì sera 8 novembre in occasione della “Festa della bandiera tricolore” che, come felice tradizione, ha visto tutt’uniti appassionatamente i soci lions dei due services-clubs cittadini impegnati a stabilire sempre più corretti rapporti con i rappresentanti delle Forze Armate Italiane.

Così, il Lions Club Rimini Riccione Host (presidente Moreno Maresi) e il Lions Club Malatesta Rimini (presidente Roberto Morbidi) si sono messi di nuovo insieme. Uniti più che mai da un rapporto amicizia e di collaborazione che, anno dopo anno, va riscoprendo affinità elettive riconducibili ai valori etici così finemente espressi dal Lions International

Eh sì perché la più grande e numerosa associazione mondiale presente in 196 paesi e che conta oltre un milione e trecentocinquantamila soci e vanta un seggio all’ONU, può è deve continuare ad esercitare la propria influenza affinché si affermino sempre più i sentimenti di amicizia con tutti i popoli della terra. Non solo con i vicini di casa.

Per cui, in un momento di naturale tendenza volto a riscoprire i reali valori del lionismo, martedì 8 novembre 2011nell’elegante cornice dell’Holiday Inn, si è svolta la “Festa della bandiera tricolore” alla quale hanno preso parte i rappresentanti delle Forze Armate di stanza nella nostra città.

Nell’occasione, e non poteva essere altrimenti, si è elevato alto il pensiero rivolto a celebrare il 150° anniversario dell’unità d’Italia: 1861-2011.

Poi, in un gioco delle parti che ha trovato tutti d’accordo, i due presidenti, Moreno Maresi e Roberto Morbidi, hanno ceduto la parola al relatore della serata, l’Ammiraglio Marcantonio Trevisani, che ha parlato dell’Impegno italiano nelle missioni internazionali.

Introdotto dal socio lions Aleardo Maria Cingolani, l’illustre ospite ha via via passato in rassegna le missioni di pace che hanno fin qui visto ottomila militari italiani, uomini e donne, impegnati in 33 operazioni di peacekeeping.

Infine, come si conviene alle felici tradizioni lionistiche, si è dato spazio al dibattito e alla piena libertà di parola e d’opinione da parte dell’autorevole uditorio.

Giorgio Betti

 


 
2 girls 1 cup