PDF Stampa E-mail

“Giustizia penale… per me o per gli altri?”

Relatori il prof. avv. Achille Melchionda e il dottor Davide Ercolani

Affrontare i problemi della giustizia implica necessariamente farsi carico dei problemi della società civile. Più questa è democratica, culturalmente evoluta, politicamente e socialmente avanzata; più rapida, efficiente, corretta, giusta, sarà l’applicazione della legge nelle aule dei tribunali.

Così come è indubbio che, Rimini, come da antica e felice tradizione di città a forte vocazione turistica, può e deve esercitare tutta quanta la propria influenza affinché, grazie anche alla fattiva opera svolta dai service-club cittadini fra i quali spicca il Lions Club Rimini Riccione Host, si affermino sempre più i sentimenti di amicizia e di solidarietà fra tutti i popoli della terra e, in particolare, con le genti dei paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo.

Così, in un momento di naturale tendenza volta a riscoprire le valenze storico-paesaggistiche e socio-culturali di una città che si esercita da sempre ad aprire con slancio amicale le sue millenarie porte di casa e dei propri sentimenti, martedì sera 6 marzo all'Hotel Holiday Inn, si è tenuto un interessante meeting conviviale con al centro dell’attenzione generale un argomento di estrema attualità: la giustizia in Italia. Per l'occasione il presidente Moreno Maresi ch’è un valente avvocato penalista, non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di far intervenire un autentico fuoriclasse delle aule giudiziarie: il prof. avv. Achille Melchionda, noto penalista, docente universitario di chiara fama e autore di numerosi scritti di diritto e di procedura penale, nonché, da buon past-governatore Lions, di un volume sulle origini dell'Associazione lionistica, il quale ha impostato il suo ragionamento su una domanda di carattere provocatorio: “Giustizia penale... per me o per gli altri ?”

Un titolo vagamente autoironico e un argomento stuzzicante per i molti riferimenti riconducibili all’attività forense dell’insigne avvocato che, davanti a un autorevole uditorio formato in buona parte da uomini di legge (in bell’evidenza gli avvocati Gian Franco e Alberto Costanzi, Cesare e Roberto Brancaleoni, Francesco Vasini, Mattia Lancini, Marika Patrignani), ha via via raccontato con quel modo tutto suo che lo rende unico, inimitabile, tutta una serie di fatti processuali che hanno finito per soddisfare la curiosità di tutti. Nessuno escluso. “La verità, alla fine di un processo – ha concluso Melchionda -, viene sempre a galla”.

Fin qui il professore avvocato Achille Melchionda.

Ma in avvìo di serata a dare connotazioni di grande rilievo era stato il dott. Davide Ercolani, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Rimini.

Il dott. Ercolani, originario di Novafeltria (a salutarlo erano presenti il presidente e i soci del Lions Club Montefeltro: Claudio Cucci, Colombo Ercolani – padre di Davide, ndr -, Lorenzo Spennillo, Diego Dell’Anna, Alessio Spadaccini e il past presidente del Rotary Rimini, il colonnello Nevio Monaco), dal 2008 presta servizio presso la Procura di Rimini dopo aver svolto le medesime funzioni presso la Procura Militare di La Spezia, e nell’occasione ha illustrato le nuove tecniche di indagine promosse dal Consiglio Superiore della Magistratura e svolte dai magistrati nell’ambito delle varie inchieste di carattere penale. Tutti elementi, questi, ostici per il vostro cronista, ma che hanno trovato facile lettura e interpretazione da parte di tutti gli altri ospiti di una serata pienamente riuscita sia per l’eloquenza del gran capo cerimoniere Graziano Lunghi, sia per l’inappuntabile opera svolta dal segretario Guido Zangheri e anche per l’elegante signorilità del presidente Maresi che, nell’occasione, s’è riservato il privilegio di avere al suo fianco la bella presenza del past-president Monica Sardonini e invitato personalmente il presidente del Lions Club Cattolica, Giuseppe Frignani. Insomma: una gradevole serata con tanta bella gente.

In chiusura, un’ultima notazione ci sembra doveroso riservarla agli ospiti d’onore che, con la loro presenza, hanno contribuito a dare prestigio al service-club cittadino: maresciallo capo Giuseppe Paola vice comandante Motovedetta Carabinieri e il maresciallo Luigi Santoro della Stazione dei Carabinieri di via destra del porto; il dott. Marco Tognacci; la dr.ssa Giorgia Fabbri; la dr.ssa Camilla Tommasetti. Infine i soci lions: Marco Pironi, Fabrizio Botteghi, Alfonso Vasini e la sua gentile signora Camilla, Armando Baccolini, Uberto Bellini, Pier Luigi Foschi e signora Gabriella, Oreste Di Giacomo e signora Estella, Gilberto Leardini, Vilfredo Marini, Fabio Maioli, Pier Paolo Baffoni, Massimo Pinchi e Laura Mandelli Pullè. Un particolare saluto di bentornato – e non poteva essere altrimenti dopo una sua lunga assenza per cause di forza maggiore - è stato rivolto al socio lions insignito della più alta onorificenza lionistica, il Melvin Jones Fellow, l’avvocato Gian Franco Costanzi al quale siamo tutti fraternamente vicini.

Giorgio Betti


 
2 girls 1 cup