“IL MERCATO MONDIALE DEL VINO: EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE FUTURE” PDF Stampa E-mail
Scritto da Sabino V.   
Sabato 26 Marzo 2016 10:58

Interclub con gli amici della Bocconi ALUMNI Association, martedì 2 febbraio alle ore 20,00 presso l’Hotel National di Rimini. Argomento della serata:  “IL MERCATO MONDIALE DEL VINO: EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE FUTURE”, relatore il Prof. Stefano Castriota dell'Università di Bolzano. Vogliamo ricordare che la proficua collaborazione con l’associazione degli alunni della prestigiosa università milanese è giunta al terzo anno; in questa occasione, grazie al Prof. Stefano Castriota abbiamo assistito ad una interessantissima presentazione dei meccanismi di funzionamento del mercato mondiale del vino, analizzato attraverso gli strumenti tipici dell'economia politica. Il Prof. Castriota ha appena pubblicato il primo manuale accademico di Economia del Vino, un progetto molto ambizioso nel quale ha investito anni tra ricerche compiute nelle Università di Roma, Trento e Perugia. Ha inoltre pubblicato articoli su riviste quali l'American Journal of Agricultural Economics (numero 1 al mondo per economia agraria) e il Journal of Wine Economics (numero 1 al mondo per economia del vino). E’ membro delle Associazioni Americana (AAWE) ed Europea (EuAWE) degli Economisti del vino. Con quest'ultima ha anche vinto il premio per il miglior articolo presentato alla conferenza annuale del 2009.

 Bocconi 1

  Bocconi3 Bocconi 8

 Bocconi 5

 Bocconi 9

Bocconi 10

Bocconi 11

                                                                                                                 Fotografie di: Daniele Bacchi 

Articolo scritto dal Socio Lion Maurizio della Marchina

Martedi 2 febbraio il Prof.Stefano Castriota ha tenuto,presso l'Hotel National, sede del L.Club Rimini Riccione Host,un particolare ed avvincente relazione su "Il mercato mondiale del vino. Evoluzione storica e prospettive future".

Il meeting,in interclub con Bocconi Alumni Association,è stato di estremo interesse,arricchito dalla presentazione e degustazione dei vini dell'Azienda Galli di S.Giovanni in Marignano effettuata dal sommelier Bruno Piccioni,ben noto ai soci del Club per la sua competenza e vivacità.

Il vino è uno dei principali valori dell'agricoltura italiana,con un fatturato attuale di quasi 15 miliardi,ed il relatore ha passato in rassegna le diverse peculiarità dei meccanismi di funzionamento del mercato vitivinicolo,unitamente ad un approccio più specificatamente di politica economica basato sul ruolo e sugli interventi di regolamentazione del mercato da parte delle pubbliche autorità.

Oggi il vino,inteso come prodotto di qualità, possiede sue peculiarità che appartengono ai prodotti con cui

 i vari paesi competono sul mercato globale,con valenze specifiche spesso immateriali correlate sia alla qualità intrinseca,che alle metodologie produttive,che al contesto territoriale di origine. In molti casi l'identità locale,forte della propria tradizione storica e della propria origine geografica,prevale sulla componente aziendale.

Negli ultimi anni la produzione del vino è diventata,apparentemente in contrasto con l'atteso,decisamente più tradizionale rispetto al passato,ma ciònonostante ha subito mutamenti produttivi e di immagine decisamente innovatori in specie nei confronti dei mercati di sbocco e delle più recenti tecniche di commercializzazione e marketing.

Il mercato vitivinicolo in Italia dà lavoro ad oltre un milione di persone,coinvolgendole in attività tecniche e manuali di discreta complessità; inoltre,come molti altri prodotti del made in Italy il consumo del vino è oggi legato all'idea di qualità e talora anche di lusso,esso è da sempre legato al nome dell'Italia ed alla sua secolare tradizione.

Ogni singolo territorio ha una sua specifica produzione enologica,legata ai fattori pedoclimatici ad alle specificità produttive che influiscono specificatamente sulle caratteristiche dei vini commercializzati,classificati secondo una piramide geoqualitativa che dai comuni vini da tavola va ai più celebrati vini a denominazione di origine,la cui produzione è regolamentata da severi e vincolanti disciplinari.

Pertanto a sintesi di questo interessante meeting è possibile affermare che la componente economica della produzione e del consumo del vino è assai complessa e coinvolgente aspetti multipli la cui valutazione comporta un attento ed impegnativo studio.

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Maggio 2016 08:37
 
2 girls 1 cup